LA VALLE DELLA NAVA


25 maggio 2014

LA VALLE DELLA NAVA

L’escursione di oggi ci porta a scoprire una zona ricca di prati, boschi e vallette nei dintorni di Casatenovo.

La valle della Nava è una porzione di territorio, in gran parte coltivata e non urbanizzata, ricca di animali e inserita in una splendida posizione tra le colline di Montevecchia e i dossi che costituiscono le prime alture brianzole, a nord di Milano, zona di villeggiatura di fine 800, in quanto facilmente raggiungibile con una mezza giornata di viaggio in carrozza da Milano, come testimoniano le tante ville (una per tutte la villa Schiapparelli, del noto astronomo, che abbiamo costeggiato stamattina). Per me si tratta di una novità, almeno dal punto di vista escursionistico amatoriale; ci sono passato diverse volte, sia durante gli allenamenti invernali di atletica, da ragazzo, sia nel corso delle mie poche esperienze alla Marathonbike della Brianza, ma non sono mai riuscito a godermi i sentieri e i paesaggi come ora che li percorro con la MTB durante una escursione. Molti amici del Torrevilla sono d’accordo con me e sono contento di essere parte di questa scoperta comune.

Non siamo moltissimi, poco meno di una ventina, complici forse le varie Cresime, Prime comunioni, e le molte gare concomitanti, oppure una sottovalutazione della proposta, stimata poco interessante o troppo “banale”. Invece il percorso ci ha ampiamente ricompensati della fiducia, regalandoci scorci interessanti, bellissimi panorami e un itinerario molto vario, con molti cambi di pendenza e diversi passaggi che hanno richiesto una discreta attenzione, se non altro per evitare ortiche e rovi; tutto sommato si è rivelata una bella escursione. Un piccolo passaggio sul torrente in secca su roccioni, un bel guado, e l’incontro con un serpente (una innocua biscia che si è dimostrata più spaventata di noi), hanno messo un po’ di pepe ad una escursione che si è meritata due stelle di tecnica e due di impegno fisico ma sicuramente quattro stelle di panorama. Bellissimi i paesaggi con il colle di Montevecchia sempre presente, le Prealpi, il Resegone, i prati e i campi coltivati, tutti con 100 sfumature di verde. Paesaggi da cartolina, ville patrizie del secolo scorso e ville moderne hanno fatto da sfondo ad una bella mattinata in ottima compagnia. Il terzo tempo, causa impraticabilità della sede (i locali della ex scuola elementare che ci ospitano sono occupati da un seggio elettorale) è stato allestito al nostro ParchettoBike, dove ieri pomeriggio si è concluso un applauditissimo corso di MTB per bambini.

Aspetto di vedere pubblicate le foto di Manrico, Fabrizio e degli altri, e il video di Piero, sulle riprese dello scatenatissimo Massimo.

Alla prossima. Donato.


Nessun commento

Lascia un commento